In merito alle illazioni di Mario Ascheri

15 09 2008

Alcuni di voi avranno sentito delle illazioni fatte sul capogruppo di Rifondazione Andreini in Consiglio Comunale e sul gruppo. Secondo il consigliere delle liste civiche, Andreini avrebbe preso dei fantomatici 100.000 € ed un posto in banca…Ora chi conosce Francesco sa che è una persona di una correttezza elevatissima, un comunista di altri tempi stimato e rispettato da tantissimi. Le dichiarazioni però sono lesive e vanno oltre la polemica politica ed è per questo che abbiamo deciso di querelare il consigliere Ascheri, perchè le sue dichiarazioni danneggiano la persona ed il partito e questo non è tollerabile.di seguito il comunciato stampa inviato ieri ai giornali cittadini.

Comunicato stampa del Gruppo Consiliare Rifondazione Comunista – Sinistra Europea in merito alle dichiarazioni di Libera Siena.

Difficile non sorridere quando veniamo accusati di ambiguità rispetto all’aeroporto di Ampugnano e ad altre questioni. L’ambiguità è di coloro che non manifestano idee o perplessità, che hanno come volgarmente si dice, un piede in due scarpe. Il gruppo consiliare di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea a Siena è tutt’altro che ambiguo. Sulla questione Ampugnano abbiamo votato un ordine del giorno nostro e votato contro quello presentato dalla maggioranza ed abbiamo però, aperto un dibattito utile all’interno della stessa maggioranza cittadina che speriamo porti ad un ripensamento sull’aeroporto come scelta strategica per il nostro territorio. Le liste civiche invece, hanno concluso quel consiglio, dicendo che non sono contro l’aeroporto, ma contro questo sviluppo dell’aeroporto ed hanno difeso il periodo in cui c’erano i voli Siena – Olbia vuoti, ma pagati come pieni dai contribuenti senesi grazie all’estro del Sindaco di allora. Su altre questioni, invece, ci muoviamo in linea con quello che è il programma del Sindaco Maurizio Cenni e chiediamo trasparenza e partecipazione sulle scelte urbanistiche e strategiche per la nostra città. Lo abbiamo fatto con forza anche nell’ultimo consiglio. La vera ambiguità è delle c.d. liste civiche senesi che niente hanno a che vedere con esperienze civiche presenti in altri territori. Sappiamo tutti che le liste civiche rappresentano un insieme di interessi diffusi e diversi unite solo da una sorta di volontà di rivalsa del loro padre padrone Pierluigi Piccini. Come fanno, infatti, Ascheri e Falorni a dire di essere contro l’aeroporto quando chi ha voluto l’aeroporto nel nostro territorio è il già sindaco di Siena Pierluigi Piccini? Come fanno sempre Ascheri e Falorni a sostenere che le scelte urbanistiche di questa città sono errate quando hanno al proprio fianco sempre lo stesso Pierluigi Piccini che è stato assessore all’urbanistaica nel 1990 e sindaco di Siena per i successivi dieci anni? Come fa Ascheri, che dice di essere di sinistra, (su questo noi nutriamo parecchi dubbi), a stare con Falorni che invece sulle questioni della laicità e della vita la pensa in modo diametralmente opposto? Come fanno a stare insieme all’interno delle Liste civiche tutte queste anime? Semplicemente perché si tratta di un guazzabuglio di interessi diversi e diffusi tenuti insieme dalla forza della nostalgia per i bei tempi che furono del loro leader. Complicato far finta di non vedere quali le vere “ambiguità” presenti in Consiglio Comunale. Diventiamo invece, molto seri quando ci accusano di cose che hanno a che vedere con la questione morale. Le affermazioni di Mario Ascheri hanno leso l’onorabilità del consigliere Andreini e quella di tutto il partito della Rifondazione Comunista. Anche su questa questione andremo avanti, stiano tranquilli Libera Siena e le Liste Civiche, senza nessuna ambiguità.

Il Gruppo Consiliare di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Francesco Andreini
Fiorino Pietro  Iantorno

Annunci

Azioni

Information

4 responses

14 10 2008
mario ascheri

Scoperto il sito, il commento ve lo lascio eccome!
Io non ho offeso Andreini, che so bene essere persona dabbene per testimonianze convergenti, ma mi sono rivolto a lui durante una polemica sulla trasparenza dei conti del Comune perché c’era solo lui in aula in quel momento di Rifondazione; poi, visto che l’aveva presa sul piano personale, avrei chiarito anche subito se mi fosse stata data la parola; ma ho potuto farlo solo la mattina dopo a riapertura di seduta, e l’ho fatto. Chi era presente può confermare che è andata così. E non potrà che confermalo.
Niente di personale quindi.
100mila euro per la pace e il posto in banca era un modo sintetico per criticare la Vs. politica.
Sentendomi di sinistra ancora (e ho votato conformemente l’ultima volta che ho votato, e l’ho dichiarato anche in cons. com.), sono io che mi sento offeso dal modo in cui Voi (meno dai PD, perché mi sembrano in stato di confusione ideale – altra querela? – e infatti rinnegano tutti i giorni in cons. com. le esigenze di trasparenza e democraticità per cui abbiamo costituito, per lo più transfughi dei partiti di sinistra, Libera Siena) interpretate l’alleanza con la maggioranza al governo di Siena, che ha poco di sinistra e molto di una travolgente e devastante passione cementizia-bancaria, come ho scritto infinite volte e come sono pronto a ripetere in tutte le sedi (per la storia, ne ho accennato anche a un Bertinotti balneare che ho avuto il piacere di conoscere personalmente…), anche in tribunale se vorrete portarmici (vedo che difendete anche la cost.: ricordatevi dell’art. 21, di grazia…).
Gli euro per la pace (volete l’elenco degli investimenti in materia fatti direttamente o indirettamente da Comune e Fondazione? senza entrare nel merito della loro efficacia, si potrebbe anche porre un problema di entità finanziare da comparare con altre…) e il posto in banca (mi pare che almeno uno in Fondazione lo avete, o no?) alludevano appunto a quel che avevate potuto strappare dall’accordo con questa maggioranza.
Ma, mi e vi chiedo, ne val la pena? val la pena di stringersi al collo un cappio con questa giunta così modesta, modestissima che neppure i principi elementari di uguaglianza tra i cittadini conosce (altra querela?)? di avere una città che vive con i media imbavagliati o ridotti a emissione esplicita del Potere?
Se si facesse una graduatoria della libertà e vivacità di espressione in Italia, Siena dove sarebbe? E il ‘sociale’, con i nostri vecchi ricoverati a Castellina o dalle parti di Acquapendente? Vogliamo continuare?
Io mi preparerò per bene per il tribunale, state tranquilli, perché non ci sarà un pres. del Consiglio comunale che mi conterà i secondi.
Sarà un’occasione per rifare la storia di questi anni, un bel dibattito politico e storico. Perché sarà un processo epocale, dato che non c’è stata nessuna offesa personale, a una sinistra che ha perso l’orientamento.
Se mai, scusate, non siete Voi ad offendere con queste baggianate di come mi/ci presentate nei rapporti con Piccini? Nessuna nostalgia – io l’ho attaccato come nessun altro ai tempi in cui era sindaco. Urbanistica? Ma tra il piano Sechi e i Vostri approvati (ormai PCI) c’è un abisso: là si ‘completavano’ gli interstizi vuoti, Voi costruirete nuovi insediamenti ex novo e intaserete ancor più la viabilità già intasata a sud della città risucchiando popolazione dal centro storico ridotto a una Disneyland indecorosa nel momento in cui c’è già sovrabbondanza di costruito! Chi fate venire a Siena se si è costruito già troppo nei dintorni a prezzi ovviamente inferiori?
E la Novartis? Vi ‘vendete’ (altra querela?) a una multinazionale! ma se i Vs. amici e compagni non fanno neppur bere le coca cola nella mia Università…mavvia, un minimo di decenza – POLITICA, miei cari, politica, e fors’anche morale, anche se è parolone che uso poco, pochissimo, perché di sorprese se ne possono avere sempre…pensate a cosa succede all’Università.
La città era stata imbonita pochi mesi fa che il bilancio chiudeva con un AVANZO di cinque milioni…li miei coi…! direbbe un toscano, che io e te, Iantorno non siamo, e perciò il buon consigliere democratico della sinistra dem. anti-razzista per vocazione (astratta) Bartolini al Monte manda il Mussari, senese (doc?), e in Fondazione addirittura un democristiano storico e ‘para-fiorentino’, ma non noi!
A parte gli scherzi (evidenti no?, altrimenti altra querela!), il rapporto con Falorni. Che problema c’è se uno è un laico (anche fosse) impenitente e l’altro credente sincero? Noi abbiamo un’alleanza contro l’emergenza democratica che una certa pseudo-sinistra ha creato in città, vogliamo ridare fiato, libertà, togliere incrostazioni pluridecennali, diciamo così, spese inutili da enti parassitari, dare speranze ai giovani che chiedono riconoscimento al merito.
I sacramenti sono un fatto molto privato, privatissimo, che se diviene questione legislativa si discuterà, se ne valuteranno i vari risvolti, i principi, le opportunità….serenamente. Perché si debba essere avversari per motivi di fide non mi è chiaro, e anche voi avete credenti e no, mi pare. O no?
Non sarebbe infantile una divisione su questi problemi? Lo è, come il rimprovero basato su queste questioni. E non siamo tutti per la vita? o Voi no?
Andiamo al merito dei problemi, alla questione democratica a Siena, all’emergenza economica di tante famiglie di fronte agli sprechi degli enti – e agli stipendi da nababbi dei dirigenti (di ‘sinistra’ per lo più) -, variamente offuscata dalle tante, troppe chiacchiere ammantate di gioiosa e spettacolare (e costosa) sinistra.
La città ha bisogno di essere rifondata, ed è un peccato che questa Vs. Rifondazione invece di collaborare a quest’impresa storica contribuisca alla sua ‘calata’, alla sua crisi, alle sue colate di cemento ecc. ecc.
Amicus Plato…sed magis amica Veritas!
m.a.

28 10 2008
paolo fedeli

Al di là della querelle in corso colgo amare verità in Ascheri: il partito delle rotonde, cementizio, la Disneyland, l’università nelle grinfie di incompetenti, ecc. Certo, è grazie anche al prc che Cenni sta in piedi. Sono valutazioni politiche, del prc, tuttavia o si sta con le masse popolari, alfine (maturazione…), o col potere politico-finanziario-accademico. Ma si, rifondiamo la sinistra, la città, l’università. Impresa SOLO IN APPARENZA CICLOPICA. Il popolino VA SVEGLIATO.

28 10 2008
paolo fedeli

P.S: Conosco persone delle Liste Civiche che sono autentici democratici, come conosco persone che stanno nella maggioranza che di democratico hanno ben poco. Non entro nel merito della querelle Ascheri-Andreini, il mio è semmai un pungolo per chicchessia per lottare per una reale cultura e reali servizi. Occorre fare un po’ di pulizia. Certi prof di “sinistra” han sinora fatto solo i baroni. Comunque sia non occorre alcuna ambiguità nelle nostrane questioni.

28 10 2008
paolo fedeli

PS-Mi pare che Ferrero (antitesi di Vendola?) abbia detto che non farà sconti ai PD (ex Ds ecc.). In tale ottica mi par si muova la maggioranza del partito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: